Cerca
RSS

Notizie

IL DUCHINO BIANCO -lunedì 17 giugno 2024
Il giocatore antiborbonico, un aneddoto interessante nel Diario di Carcere
SALENTO, POPOLO DI BIZANTINI -lunedì 3 giugno 2024
Nessun territorio è ricco di testimonianze del medioevo bizantino come la Provincia di Lecce. Si tratta di un Salento a volte sconosciuto.
L'ORO LIQUIDO DEL SALENTO -lunedì 20 maggio 2024
Le prime coltivazioni di olivo nel Salento, sono state praticate, molto probabilmente, nei primi anni dell'epoca messapica (X-III a.C.) che è quella in cui si svolse, nel Salento, la prima civiltà vera e propria: quella civiltà che ebbe agglomerati urbani e che conobbe la scrittura.
IL BUON VINO DEL SALENTO -lunedì 6 maggio 2024
La coltivazione della vite nel Salento ha origini lontane. Si narra che gran parte dei vini salentini provengano dagli Illiri, un popolo dei Balcani maestri in questo tipo di coltivazione. Successivamente, i Fenici iniziarono la commercializzazione in tutto il Mar Mediterraneo
GLI INDOVINELLI -giovedì 18 aprile 2024
"Porta la cresta e re nun è, Porta spruni e cavalier non è sape l'ure e orologi nun ne tene d'ossu tene la ucca tutti lu videne e ciuveddi lu tocca. "
L'ARTE DELLA CARTAPESTA -mercoledì 3 aprile 2024
C’erano una volta (a partire dal XVIII secolo)… e ci sono ancora, sparse tra i vicoli, le vie e le corti del cuore barocco di Lecce, le botteghe della cartapesta. Una tradizione dalle radici partenopee che si è affermata a Lecce nella produzione di statuaria sacra.
LU SANTU LAZZARU -mercoledì 20 marzo 2024
L'avvicinarsi della Pasqua coincide, con delle singolari rappresentazioni che, allegre brigate di cantori eseguono, girando di casa in casa.
Le tavole di San Giuseppe -giovedì 14 marzo 2024
Un meraviglioso viaggio tra antiche tradizioni, emozioni e suggestioni, tra festa e devozione.
In occasione del compleanno di Alda Merini nella Giornata mondiale della poesia, il 21 marzo, Rai 1manda in onda il nuovo film di Roberto Faenza sulla vita della grande poetessa milanese.
LA CAREMMA -martedì 27 febbraio 2024
La vedova del carnevale fa la sua comparsa subito dopo la morte del marito ed è vestita di nero in segno di lutto.